Social Media Marketing Napoli. Scopri i canali social giusti per te

social media manager napoli

Stai cercando una guida per impostare la tua strategia di social media marketing a Napoli?

Farsi pubblicità sui social nell'era digitale è fondamentale: leggi tutto quello che devi sapere sulle strategie di social media marketing oppure contattaci per chiederci una consulenza!

I social network sono una cassa di risonanza talmente ampia che rinunciare a esserci è impossibile.
Quante volte al giorno scorri la tua home di Facebook? Quanto tempo passi a scorrere le stories su Instagram? Quanti video guardi su Youtube? E quanto spesso controlli il tuo profilo Linkedin?

Forse non ti sei mai soffermato a chiederti quanto stretto è il tuo rapporto con i social network, ma di certo se ci pensi un attimo ti renderai conto che adesso ti riesce quasi difficile ricordare com'era la vita prima dell'avvento delle community digitali.

Perché è fondamentale la gestione di una pagina facebook aziendale

I social media sono un vero e proprio villaggio globale, community virtuali in cui le persone si incontrano, si scambiano informazioni e pareri, creano dialogo, confronto, conversazioni. Inserirsi in questo flusso conversazionale è fondamentale per un brand che voglia farsi conoscere, amare e ricordare dai propri potenziali clienti.

Ecco perché se hai deciso di investire nel digital i non puoi proprio fare a meno di una strategia integrata di comunicazione sui social network.

Continua a leggere per saperne di più!

strategia-social-napoli

Social Media Marketing: definizione

Il Social Media Marketing è una forma di web marketing che sfrutta i social media e le community 2.0 per far conoscere un marchio, aumentarne la visibilità e l'affidabilità percepita, aumentare le vendite e fidelizzare i clienti.

Come abbiamo spiegato in questo articolo dedicato al web marketing, i social media sono earned media, ovvero piattaforme che pur non essendo di proprietà dell'azienda permettono comunque di "guadagnare" visibilità gratuita sfruttando le caratteristiche connaturate allo strumento stesso.

I principali canali social

Da Facebook a Youtube passando per il professionale Linkedin e il giovanissimo Snapchat, le piattaforme social si sono letteralmente moltiplicate negli anni, sviluppando ognuna le proprie peculiarità che oggi permettono di differenziarsi tra loro.

Tra i social network principali e più utilizzati troviamo:

● Facebook

● Instagram

● Youtube

● Linkedin

A questi più famosi si aggiungono:

● Snapchat, social giovane amato dai giovani

● Pinterest piattaforma visual per trovare, condividere e acquistare idee e prodotti creativi

● Twitter, in calo ma sempre un valido alleato per ogni progetto editoriale

● Google Plus, utile per favorire l'indicizzazione SEO

● Tumblr, piattaforma di microblogging anch'essa amata dai giovanissimi

● WhatsApp e Telegram, piattaforme di messaggistica istantanea che stanno espandendosi in direzione "social" (le storie di WhatsApp e i canali Telegram ne sono un esempio) e attirando l'attenzione dei marketers che cercano nuovi canali su cui espandersi

● FourSquare, social basato sulla geolocalizzazione

● Flickr, per condividere i propri progetti fotografici inediti

● TripAdvisor, the Fork e affini, aggregatori di recensioni che hanno creato vere e proprie community, molto noti nei settori turismo e food&beverage

Ne conoscevi appena 3 o 4?

Forse è perché non hai mai avuto bisogno di averne altri: il fatto che queste community digitali esistano non significa che la tua azienda debba esserci per forza.

Quello su cui devi concentrarti è scegliere i social network, i forum e le community più adatti a comunicare il tuo brand e intercettare il tuo potenziale pubblico.

Come scegliere i social network giusti?

Ad ognuno i suoi social network.

Come dicevamo, il fatto che esistano tante tipologie di social media diversi non significa che tu hai necessità di presidiarli tutti, anzi. Affinché la tua social media strategy abbia successo devi scegliere e implementare solo i canali giusti.

Facciamo qualche esempio.

● Se hai un'azienda che vende occhiali da sole, il tuo obiettivo attraverso i social network sarà quello di mostrare i tuoi prodotti e spingere i potenziali clienti ad acquistare.

Per raggiungerlo, ti sarà molto utile implementare canali come Facebook e Instagram che ti permettono di condividere foto e creare inserzioni per veicolare traffico al tuo sito web e alle pagine prodotto. Il tuo tone of voice dovrà essere leggero, confidenziale, accattivante e di tendenza.

Essere su Linkedin o su Twitter non sarebbe di grande utilità, non trovi?

● Se hai un'azienda che vende servizi, come nel caso di un'agenzia di web marketing, il tuo obiettivo sarà costruire trust e stimolare conversazioni tra i membri della tua community.

Per raggiungere questo obiettivo, non puoi fare a meno di implementare il canale Linkedin, grazie al quale potrai entrare in contatto con professionisti e aziende che hanno bisogno dei tuoi servizi.

● Se hai un progetto editoriale con blog annesso, Twitter potrebbe rivelarsi il canale migliore per condividere i tuoi articoli e raggiungere un pubblico più ampio. Il tuo tone of voice dovrà essere professionale e istituzionale, per costruire relazioni di fiducia con il tuo pubblico.

La prima mossa di una strategia di social media marketing vincente consiste proprio nell'effettuare una digital analysis delle caratteristiche dei vari social network, come le modalità di comunicazione vigente e la tipologia di utenti, per scegliere quelli più adeguati a veicolare i propri messaggi pubblicitari.

Vuoi una consulenza per la tua strategia di Social Media Marketing?

Social Media Marketing: fare una digital analysis

Una digital analysis preliminare è indispensabile per pianificare e mettere in atto una strategia di social media marketing, e deve essere successiva a un'analisi di mercato più ampia, condotta sul brand, sul settore di riferimento in cui opera, sul target reale e potenziale e sul posizionamento del brand nel mercato.

Gli aspetti su cui un'analisi social deve concentrarsi riguardano:

● i social network di riferimento su cui si è scelto di lavorare

● le modalità di comunicazione privilegiate all'interno della piattaforma social specifica

● la tipologia di utenti che abitualmente utilizzano la piattaforma

● lo studio dei competitor e delle loro scelte di social media marketing

Quest'analisi preliminare richiede di avere ben chiari alcuni aspetti:

● chi è il target a cui puntiamo, cioè quali sono i nostri consumatori tipo e dove si trovano

● qual è il tone of voice con cui il marchio si vuole comunicare e quale la sua brand identity

Una digital analysis completa ed esaustiva permette di orientare in modo efficace le successive azioni di social media marketing e pianificare la giusta strategia.

Impostare una social network strategy

Essere sui social network non basta.
Per far conoscere il tuo brand, acquisire nuovi clienti e fidelizzare quelli vecchi attraverso i social media hai bisogno di una strategia social in grado di portare risultati tangibili.

Come abbiamo visto, la pianificazione di qualunque strategia di web marketing parte sempre dall'analisi del contesto in cui si opera.

Una volta stabilito:

● il proprio target, cioè chi sono i tuoi clienti

● i canali su cui intercettarli, cioè dove si trovano i tuoi clienti

● in che modo parlare loro, cioè il tone of voice più adatto a catturarne l'interesse

si può partire con la realizzazione di una strategia dettagliata che prevede anche la stesura di un piano editoriale in cui sono indicati la tipologia di contenuti e le modalità di condivisione sui social network.

Una strategia che si rispetti contiene indicazioni riguardanti:

● la tipologia di contenuti, immagini, video, link a articoli del blog o pagine del sito etc. differenziati in base alle esigenze comunicative della piattaforma su cui andranno condivisi e la loro finalità (intrattenere, informare, vendere etc.)

● il o i social media su cui il contenuto verrà condiviso

● tempi e orari della condivisione (ad esempio, un post ogni 2 giorni all'ora X, in cui la propria community virtuale è più attiva)

Ogni strategia prevede una successiva fase di monitoraggio e, eventualmente si renda necessario, di rimaneggiamento in base ai risultati ottenuti.

Il social media per eccellenza: Facebook

Facebook è il più utilizzato e il più generalista tra i social network, quello su cui è indispensabile essere presenti anche se soltanto con una pagina vetrina.

gestione pagina aziendale napoli

Gestione pagina Facebook aziendale

Come gestire una pagina Facebook?

Se pensi che possa farlo anche tuo nipote solo perché passa ore sui social, ti sbagli.

Utilizzare i social network a scopo ricreativo o comunque personale è molto diverso da gestire una pagina aziendale.

Non dimenticare che i social media sono una vetrina da cui migliaia di persone possono guardare alla tua azienda: devi essere ineccepibile! Ecco perché ti conviene affidarti a un professionista.

Che cosa condividere su Facebook?

Facebook offre la possibilità di realizzare post in diversi formati, ciascuno pensato per esigenze specifiche, anche di natura commerciale:

● link esterni

● video o foto in diversi formati

● sondaggio o domande aperte

● post engagement per ricevere messaggi, chiamate o farsi raggiungere con le indicazioni stradali

Le inserzioni invece sono concepite per vendere: l'obiettivo, sia nel caso dell'e-commerce che del sito vetrina, è quello di portare traffico al sito web e spingere i consumatori a effettuare una conversione, che si tratti dell'acquisto di un prodotto o della scelta di lasciarti i propri contatti.

Ci occuperemo più nel dettaglio di vendita online e lead generation e dei formati di post per le inserzioni nel paragrafo dedicato alla social ADV.

Instagram

Instagram è un social relativamente più giovane di Facebook, la cui caratteristica saliente è quella di "lavorare" esclusivamente sulle immagini foto e video.

Le stories sono attualmente un formato interessante da tenere sotto controllo perché offrono interessanti opportunità di business soprattutto nell'ottica di un coinvolgimento di un pubblico di Millennials.

Gestione profilo aziendale Instagram

Anche in questo caso, la gestione del tuo account Instagram andrebbe affidata a un professionista.
Trattandosi di un social prevalentemente visivo, Instagram è il luogo ideale per i brand fashion, moda e design che vogliono mettere in mostra i loro prodotti in una luce accattivante.

Per farlo però hai bisogno innanzitutto di avere foto e video professionali, in alta qualità, che possano attirare l'attenzione dell'utente impegnato a scorrere la sua home di Instagram.

Le stories sono invece lo strumento ideale per mostrare al tuo pubblico come utilizzare i tuoi prodotti, creando racconti coinvolgenti e accattivanti in cui il tuo pubblico possa riconoscersi.

Non sottovalutare infine l'importanza degli hashtag: scegliere quelli attinenti al tuo settore ti aiuta a trovare nuovi follower, mentre creare il tuo hashtag di marca oppure di campagna ti permette di lavorare sulla tua brand identity.

instagram napoli

Gestione pagina aziendale Linkedin

Linkedin è il social network professionale per eccellenza, quello su cui puoi intrecciare e mantenere relazioni significative con il tuo target attraverso la condivisione di contenuti di valore e informazioni utili riguardanti il tuo settore di mercato.

Linkedin è il luogo ideale per costruire la tua reputazione online con un pubblico esperto e altamente profilato, cioè fortemente interessato all'acquisto dei tuoi prodotti o servizi.

Inoltre, le inserzioni Linkedin ti permettono di creare post sponsorizzati e attivare campagne di email marketing grazie a InMail, una tipologia di advertising che ti consente di inviare messaggi in posta privata a utenti Linkedin targettizzati per presentare la tua azienda o promuovere un'offerta.

Social Media Marketing Napoli: gestione altri social network

Come avrai capito, le modalità di gestione dei social network cambiano sia in base alle esigenze della piattaforma sia alle tue esigenze aziendali e di penetrazione sul mercato.

Facebook, Instagram e Linkedin sono sicuramente i social principali e più utilizzati dalle varie aziende a seconda del settore di riferimento. Vediamo come gestire gli altri social network in base alle diverse esigenze.

● Twitter è, come dicevamo, adatto a quelle aziende che hanno investito i loro sforzi in un progetto editoriale volto a creare trust.

● Snapchat essendo un social giovane è perfetto per le aziende che si rivolgono principalmente a un pubblico di Millennials e in generale di adolescenti, da coinvolgere attraverso la creazione di contenuti veloci e one shot, che spariscono dopo 24 ore.

● Pinterest è il luogo ideale in cui intercettare consumatori in cerca di idee creative, quindi è il social perfetto per le aziende che vendono prodotti originali ma anche materiale per realizzare progetti creativi.

● TripAdvisor e portali affini sono canali imprescindibili per le aziende locali attive nel settore del food e dell'ospitality, perché avere un profilo curato permetterà ai potenziali clienti di trovarci e farsi anche un'idea sulla qualità dei nostri servizi.

Strategie di Influencer Marketing

I social media sono il luogo ideale per mettere in atto una strategia di Influencer Marketing (o Digital PR).
L'Influencer Marketing è per definizione una strategia di marketing che sfrutta la notorietà e il potere di un personaggio conosciuto per le sue competenze in un determinato settore di influenzare le percezioni e le scelte di una community virtuale.

La differenza rispetto alla pubblicità tradizionale con un testimonial è data proprio dal fatto che questo potere di influenzare il giudizio della community proviene non da una notorietà immotivata, ma dal fatto che l'influencer viene considerato esperto in un certo settore.

I social media sono il luogo ideale in cui implementare campagne di Influencer Marketing perché di solito è proprio sui social network che gli influencer coltivano le loro community: così, se dobbiamo ad esempio sponsorizzare un prodotto alimentare, sarà naturale scegliere un influencer nel settore food, ad esempio uno chef.

Se invece vendiamo prodotti di bellezza e cura del corpo ci rivolgeremo a un influencer di questo settore, con una community di follower interessati a ricevere informazioni e scambiarsi pareri sull'utilizzo di questo genere di prodotti e così via.

In questo modo, sfruttando la popolarità degli influencer costruita sulla base di un know how o di una passione in un certo settore, potremo penetrare nella sua community andando a intercettare una fetta di consumatori già interessati a quella tipologia di prodotto e facendogli conoscere il nostro marchio.

Un focus sul Community Management

Il social media marketing è nulla senza le annesse attività di community management.

Qualunque sia il tuo settore di mercato e la tipologia di prodotti/servizi che vendi, non puoi mai dimenticare il primo dogma del web marketing: il tuo cliente è al centro del tuo mondo.

Essere sui social network significa innanzitutto costruire relazioni con il proprio pubblico, creare una community di persone che sposa i valori del tuo brand e della tua azienda e se ne fa ambasciatrice all'esterno.
Affinché questo accada è necessario avere, accanto alla strategia di social media marketing, una strategia di Community Management.

gestione facebook napoli

Cosa fa un Community Manager?

Il community manager è un professionista che lavora alla creazione e alla gestione di community 2.0 costruite intorno al brand. Il community manager ha diversi compiti:

● fare social listening e social monitoring, cioè partecipare alla vita virtuale delle community di potenziali clienti, monitorarne le conversazioni online, ascoltarne i bisogni per comprenderne le esigenze e offrire loro ciò di cui hanno bisogno

● fare social caring, cioè dedicarsi ad attività di gestione della propria community attraverso azioni di engagement e customer care

● saper fare crysis management, cioè affrontare e gestire eventuali momenti di crisi che possono minare la reputazione del brand sui social network e non solo

Il ruolo dei social media nella tua strategia di web marketing

I social media hanno un ruolo fondamentale in una strategia integrata di digital marketing, perché la loro versatilità li rende utili a intercettare e fidelizzare clienti in diverse fasi del percorso di acquisto, quindi del funnel di vendita.

In fase di awareness, cioè di acquisizione della notorietà di marca, i social media sono utilissimi a comunicare i valori del brand e a far conoscere i prodotti/servizi venduti anche attraverso campagne a pagamento. In fase di consideration e decision, i social possono essere veicolo per la condivisione di risorse e contenuti interessanti in grado di orientare le scelte dei potenziali clienti.
In fase di fidelizzazione, i social intervengono per "deliziare" i clienti acquisiti con contenuti volti all'intrattenimento o anche con promo di remarketing targettizzate in base ai comportamenti di acquisto, per esempio proponendo uno speciale sconto come strategia di upselling a un cliente che ha già acquistato uno dei nostri prodotti o servizi.

Social Media Marketing: un focus sull'ADV

Le inserzioni a pagamento sui social network sono una forma di pubblicità molto apprezzata da marketers e aziende perché permettono di raggiungere risultati interessanti a fronte di un investimento non troppo esoso.

Come per la scelta dei canali social da implementare, la scelta della tipologia di inserzioni da realizzare dipende dagli obiettivi che si vogliono raggiungere: una campagna di lead generation può essere molto utile a un'azienda che vende servizi, meno a chi ha un e-commerce, il cui obiettivo principale non è acquisire contatti ma vendere prodotti.

Facebook è il re delle inserzioni pubblicitarie perché offre una varietà di formati diversi concepiti proprio per raggiungere diversi obiettivi. Tutte consentono un elevato grado di targettizzazione, per età, geo-localizzazione e interessi, in modo da andare a intercettare soltanto un pubblico potenzialmente interessato.

Facendo una distinzione sommaria per obiettivi, le campagne Facebook più utilizzate si dividono in:

Campagne di Notorietà: inserzioni video, campagne per i local business concepite per aumentare le visite o le telefonate in negozio, page like per aumentare il numero di fan sulla pagina

Campagne di Interazione: generazione di lead con form contatti interno a Facebook, campagne di traffico al sito

Conversioni: campagne mirate all'acquisto dei prodotti, campagne di remarketing tramite il pixel di Facebook

Lo strumento gestione inserzioni offre la possibilità, da quando Facebook ha acquisito Instagram, di realizzare inserzioni anche per questo social tramite il suo pannello di controllo.

Le Instagram ADS permettono di raggiungere gli stessi obiettivi delle ADS su Facebook, utilizzando anche gli stessi formati (immagini, video, carosello etc.) In aggiunta a questi formati, le Instagram ADS permettono di realizzare inserzioni nelle stories, con obiettivo notorietà o traffico al sito.

Social Media Marketing: insight e statistiche

Una buona strategia di social media marketing non è mai abbastanza buona senza un monitoraggio costante e una accurata analisi dei dati.

Internet in generale e i social network in particolare hanno cambiato il modo di fare pubblicità perché hanno introdotto il concetto di misurabilità dei risultati: se prima gli effetti di una campagna pubblicitaria offline si potevano valutare solo in termini di revenue sul fatturato aziendale, oggi l'impatto di una campagna pubblicitaria online è misurabile e quantificabile nei dettagli.

● Quante persone hanno cliccato sulla mia inserzione pubblicitaria su Facebook?

● Di queste persone, quante hanno effettivamente lasciato un loro contatto o effettuato un acquisto?

● Quanti nuovi fan ho acquisito negli ultimi sei mesi?

● Quante persone parlano online del mio marchio utilizzando i miei hashtag?

● E in che termini ne parlano? Positivi, negativi o neutri?

Sono tutte domande a cui oggi si può rispondere con precisione: grazie agli insights e alle statistiche dei social media (e non solo).

A occuparsene è il digital analyst, il cui compito è proprio quello di intersecare le statistiche provenienti dagli Insight dei social con i dati forniti da Google Analytics per valutare l'impatto positivo o negativo che le campagne pubblicitarie online hanno avuto e quali obiettivi sono stati centrati.

facebook ads napoli

Il ruolo del digital analyst

Il compito del social media analyst è fare a ritroso il percorso che ha portato i nostri pontenziali clienti a interagire con la nostra azienda, per capire da dove sono venuti e in che modo hanno dialogato con noi. Ma non solo: il social media analyst ha anche il compito di monitorare le conversazioni online per capire in che modo il brand viene percepito da un pubblico più ampio, lavorando con i big data e la sentiment analysis.

Si tratta di un lavoro certosino e per certi versi meccanico, a cui però si aggiunge una buona dose di interpretazione: solo se correttamente interpretati i dati possono fornirci indicazioni utili sull'efficacia del lavoro svolto finora e sulla futura direzione da prendere per ottimizzare i proprio investimenti pubblicitari nel digital marketing.

Social Media Marketing: conclusioni

In questo articolo ti abbiamo fornito una panoramica generale sul mondo dei social media, spiegandoti le differenze tra le diverse piattaforme e il modo in cui l'uso dei social network si integra nella tua strategia di comunicazione digitale.

Abbiamo cercato di fornirti le indicazioni base su come scegliere i social media più adatti alle tue esigenze, sulle tipologie di contenuti da condividere per attrarre, interessare e fidelizzare il tuo pubblico e sulle finalità delle campagne a pagamento.

Se qualcosa non ti è chiaro, vuoi approfondire uno o più argomenti oppure vuoi iniziare a lavorare alla tua strategia di social media marketing non esitare a scriverci!